fbpx
Seleziona una pagina

Il riscaldamento globale, ammoniscono gli scienziati, renderà sempre più instabile il clima del nostro pianeta e con gli anni si ripeteranno fenomeni atmosferici che continuano a devastare le nostre città. Per scongiurare nuovi drammi la startup Arkup ha presentato all’ultimo Salone Nautico Internazionale di Fort Lauderdale, negli Usa, un nuovo tipo di case galleggianti, ecologiche e alimentate con l’energia solare che sono in grado di resistere agli uragani più potenti del mondo. Ideate dall’architetto olandese Koen Olthuis insieme a Waterstudio, queste villette a zero emissioni, sono in grado di sopportare venti che superano i 250 chilometri all’ora, classificati come uragani di categoria 4.

 

Chiamate dagli stessi progettisti e dall’architetto Koen Olthuis “yacht da vivere”, si tratta di edifici di alta gamma e di lusso pensati per essere ancorati in porti turistici o in baie silenziose in tutta sicurezza.

 

Con l’ausilio di pali idraulici, infatti, ognuna di queste case galleggianti viene fissata al fondale e può resistere ai venti tropicali e agli uragani. La struttura è pensata per essere energicamente autosufficiente grazie a un impianto fotovoltaico ed essere così scollegata dalla rete, mentre è dotata di sistemi in grado di gestire i rifiuti in maniera sostenibile, depurare le acque e raccogliere l’acqua piovana.

 

La casa, strutturata su due piani, è arredata con mobili di lusso realizzati con materie prime certificate ed è dotata di tecnologie all’avanguardia nella domotica, grazie alla collaborazione con l’azienda brasiliana Artefacto. Un soggiorno di 70 metri quadrati è affiancato da una cucina e una sala da pranzo, mentre al piano superiore si trova la camera da letto. Le porte scorrevoli in vetro, che conducono a una terrazza esterna, costituiscono quasi l’intera facciata anteriore e permettono di godere del paesaggio marino.

 

Ciò che rende questo immobile galleggiante così sicuro è il suo sistema di sollevamento. Ogni abitazione è infatti capace di sollevarsi di 12 metri sopra il fondo del mare in modo da prevenire allagamenti.

 

Il costo di ogni abitazione si aggira intorno ai 2 milioni di dollari. Ma non sono di certo le prime realizzate dal WaterStudio. L’architetto Koen Olthuis e la sua società di design costruiscono da decenni edifici galleggianti. Nel 2006, Waterstudio ha progettato una struttura simile al largo della costa di De Hoef, nei Paesi Bassi, a Dubai e sul lago Dianchi, vicino a Kunming, in Cina. Secondo Olthuis, proprio a causa del riscaldamento climatico, le case galleggianti caratterizzeranno il nostro futuro prossimo: “Ne vedremo sempre di più nei prossimi cinque o dieci anni – ha dichiarato in un’intervista a Business Insider – Saranno costruite non solo a Miami, ma anche a Tokyo e a New York”. 

 

Il futuro della sostenibilità è anche il futuro della resistenza dalla natura che spesso si rivolta contro l’essere umano, colpevole di non prendersi cura del proprio pianeta. Ecco quindi forse una soluzione.