fbpx
Seleziona una pagina

Sta per arrivare una nuova ondata di investimenti dalla Cina nel fotovoltaico italiano: il colosso cinese Jetion Solar realizzerà 1 GW di parchi solari nel sud Italia nei prossimi tre anni, per un valore complessivo di circa due miliardi di euro. 

 

La Jetion Solar è una società leader del mondo del fotovoltaico in Cina che fa parte del colosso China national bulding material group, uno dei più grandi gruppi finanziari al mondo con un patrimonio di 82 miliardi di euro e posizionata al 203esimo posto nella lista delle 500 multinazionali più ricche del pianeta.

 

Si punta su Campania, Puglia, Basilicata, Abruzzo e Marche per lo sviluppo delle rinnovabili, che negli ultimi anni hanno avuto nel nostro Paese una crescita significativa. I dati del 2018 relativi agli impianti fotovoltaici evidenziano un aumento delle installazioni totali, dovuto in particolare ai numerosi piccoli impianti solari che i privati scelgono di acquistare per le loro abitazioni. Da 774.014 a 822.301 (+6,2%), solo negli ultimi 12 mesi. 

 

I dati svelano una Puglia da record: Lecce la provincia più solare. La Puglia si conferma prima in Italia per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica. Lo dicono i dati diffusi dal Gse all’interno del rapporto statistico 2018, secondo cui la densità di energia dal sole prodotta sul territorio pugliese non ha eguali in nessuna altra parte del territorio: la potenza installata per chilometro quadrato è più che doppia rispetto alla media nazionale.

 

“Siamo molto orgogliosi di essere a Napoli per firmare questo accordo di collaborazione con un’azienda importante come Leukos. Una collaborazione nel settore dell’energia rinnovabile che ci vede impegnati in tutto il mondo – ha dichiarato Jie Sun, presidente della Jetion Solar – Investiamo in Italia, che ha deciso di puntare sulle fonti rinnovabili, mentre abbiamo altre opere in corso in Spagna e Portogallo. Siamo fiduciosi in questa partnership”. 

 

Sulla stessa lunghezza d’onda Donato Scavone, presidente del consorzio stabile misto “Leukos” di Milano per il quale è fondamentale “sfruttare questa opportunità di creare sviluppo sul territorio. Siamo pronti a fare la nostra parte”. 

 

L’accordo prevede due miliardi di euro di investimento nelle energie alternative per la costruzione di campi fotovoltaici da 1000 Mwp che diventeranno da 2000 Mwp nei prossimi nei prossimi tre anni. 

 

Un’opportunità importante per lo sviluppo del meridione che trasformerà il proprio sole in energia pulita.