fbpx

BLOG

Panasonic abbandona i pannelli fotovoltaici: i motivi

Mag 12, 2021 | Pannelli Solari e Fotovoltaico di Ultima Generazione | 0 commenti

Panasonic abbandona i pannelli solari: il produttore dei pannelli HIT smette la fabbricazione di componenti fotovoltaici. Nel comunicato stampa Panasonic dichiara che questa decisione è stata presa nell’ambito della “riforma strutturale della sua attività commerciale fotovoltaica”.

Il marchio giapponese continuerà a vendere moduli fotovoltaici prodotti da subappaltatori dentro al mercato nazionale, come fa anche sul mercato estero. Nonostante ciò, la propria produzione di celle e moduli fotovoltaici si concluderà alla fine del 2022.

Per quali ragioni una compagnia del fotovoltaico così importante abbandona il mercato? Lo lascia completamente o continuerà con altri progetti? Scopriamolo.

Perché Panasonic abbandona i pannelli fotovoltaici ?

Anni fa Panasonic era molto ottimista sulle previsioni del suo mercato: nel 2009 aveva l’obbiettivo di diventare uno dei primi tre produttori mondiali, quando in realtà non faceva parte nemmeno dei primi cinque fino a poco tempo fa. La ragione principale è Panasonic deve ora affrontare la concorrenza feroce dei rivali cinesi che possono produrre questi articoli a un prezzo inferiore.

Che avrebbero smesso la fabbricazione si prevedeva già da tempo, dato che l’anno scorso il marchio di Osaka ha cancellato una partnership con Tesla, con il quale produceva pannelli solari. I giapponesi che tempo fa guidavano il mercato, stanno ora perdendo terreno e hanno preferito cambiare strada.

Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, la nuova quantità di energia solare che sarà prodotta quest’anno dovrebbe raggiungere 117 milioni di kW, con un aumento del 10% rispetto all’anno scorso. Tuttavia, a causa dell’aumento della produzione da parte dei produttori cinesi, il prezzo dei pannelli fotovoltaici è sceso a circa un terzo dei prezzi del 2012. Nonostante la maggior parte delle vendite del Giappone sia basata sulla domanda interna, quest’ultima è stagnante. Questo fa sì che ci sia un ulteriore calo della quota di mercato del colosso Panasonic.

Per queste ragioni ha deciso di cambiare la sua strategia di mercato. Ma abbandonerà totalmente il mercato del fotovoltaico?

Il futuro del fotovoltaico per Panasonic

Come abbiamo visto, Panasonic non abbandona i pannelli fotovoltaici completamente: solo non continuerà con la produzione di celle e moduli nella fabbrica nazionale della compagnia, nella prefettura di Shimane, e in quella di Malesia. Questo succederà alla fine del prossimo anno fiscale. Panasonic ha dichiarato che la fabbrica di Shimane continuerà fabbricazione d’inverter, batterie elettriche e “altri prodotti”.

Così, “Panasonic studierà tutte le soluzioni possibili, anche la collaborazione delle nuove attività commerciali con altri soci, con l’obbiettivo di ristabilire la redditività nel fotovoltaico per l’esercizio che finirà a marzo 2022, centrandosi di più sul mercato delle soluzioni energetiche, combinando moduli fotovoltaici [il prodotto dell’azienda] HEMS*1 [Sistema di Gestione di Energia Domestica] e batterie di accumulo”.

Una volta finita la sua produzione di pannelli solari, la fabbrica di Shimane si concentrerà sulla produzione d’inverter, che svolgono la funzione di convertire la corrente continua proveniente dai pannelli a corrente alternata.

Le città intelligenti

Un’altra attività sulla quale Panasonic ha deciso di puntare è la creazione di sistemi di gestione di energia per città intelligenti, anche conosciute come smart city. L’azienda giapponese prevede di acquisire pannelli solari prodotti da subappaltatori con l’obbiettivo di rimanere nell’industria dell’energia.

In effetti, l’azienda nipponica ha un solido programma d’installazione residenziale nel Nord del continente americano; recentemente, ha anche spostato l’attenzione sul suo sistema di batterie EverVolt e sui nuovi pannelli solari EverVolt. Questo programma d’installazione dovrebbe continuare ininterrottamente.

I lavoratori di Panasonic

Secondo il gigante, nessun membro dello staff giapponese sarà licenziato: “l’occupazione dei lavoratori sarà mantenuta grazie al trasferimento nella stessa fabbrica in altre aree dell’azienda nelle quali si prevede una crescita”.

I lavoratori di Malesia non saranno così fortunati, dato che Panasonic ha dichiarato che “sosterrà i dipendenti colpiti dal cambiamento con sincerità, fornendo misure tra cui indennità di licenziamento e assistenza alla ricollocazione”.

Prospettiva di futuro per i pannelli solari di Panasonic

Non avremo allora più a disposizione gli straordinari pannelli HIT di Panasonic? Dobbiamo ancora aspettare. È possibile che ci sia solamente una produzione limitata in altri stabilimenti, ma è ancora da vedere.

Dopo il ritiro di Panasonic, Sharp e Kyocera saranno le uniche grandi società in Giappone a produrre pannelli fotovoltaici e batterie solari. Per quanto riguarda il mercato globale, oggigiorno è dominato da fabbricanti cinesi come JinkoSolar.

Wekiwisolar mette a disposizione dei suoi clienti dei pannelli solari che hanno una buona posizione sul mercato: JASOLAR y LG. Se stai pensando di entrar a far parte del mondo del fotovoltaico, prova il nostro simulatore. È molto intuitivo, ma se comunque hai dei dubbi, contattaci!. A wekiwisolar ti aiutiamo!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iniziare chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti ?
Ciao, come possiamo aiutarti ?

Il nostro orario è:

L-G dalle 9:30 alle 19:00
V dalle 9:30 alle 16:30
S e D chiusi