fbpx
Seleziona una pagina

Con l’arrivo del Covid-19 in Italia e in tutto il mondo, le nostre abitudini di sempre sono state messe in stand-by e, da un giorno all’altro, ci siamo dovuti adattare a un nuovo stile di vita, completamente inedito.

La quarantena ci ha portato a passare più tempo che mai a casa, diventata ormai il nostro ufficio, la nostra palestra, una scuola per i nostri figli e un laboratorio per tutti i nuovi hobby adottati per mantenerci attivi nel fine settimana.

Nella maggior parte dei casi è stata in particolar modo la cucina a essere più attiva del solito, con un grande uso degli elettrodomestici, soprattutto nelle prime ore del giorno. Ma anche la televisione la sera, le luci accese da quando si fa buio fino ad andare a dormire, e quant’altro.

È per questo che, inevitabilmente, la quarantena si è tradotta per gli italiani in un aumento del consumo energetico, riscontrato nelle bollette di casa. In questo contesto particolare, chi usa energia solare in casa ha potuto notare la differenza e godere del risparmio energetico garantito dall’installazione di pannelli solari nella propria abitazione.

Un nuovo modo di consumare energia in tutto il paese

Durante la quarantena si è verificato un forte cambiamento sotto tutti gli aspetti del consumo energetico: chi ne usufruisce maggiormente (i nuovi clienti principali sono i civili), la domanda degli utenti (forte riduzione a livello nazionale e altrettanto forte aumento a livello domestico), e nell’orario di maggiore domanda di energia elettrica (maggiore domanda in ore mattutine).

A livello mondiale il consumo di energia e il livello d’inquinamento si sono abbassati drasticamente: confrontando il periodo del lockdown con lo stesso periodo del 2019, la differenza è nettissima. Come riporta il Corriere della Sera, considerando 24 giorni a partire dall’11 marzo (che comprendono 3 weekend e 18 giorni feriali), la differenza è arrivata addirittura a una diminuzione del consumo energetico nazionale del 21,4%.

La differenza è stata ancora più evidente nel Nord d’Italia, con un calo del 27,8% sullo stesso periodo del 2019, dove la Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, producendo il 40% del Pil, hanno notoriamente bisogno di una dotazione elettrica maggiore rispetto alle altre regioni del paese.A livello civile e residenziale però, i dati sono ben altri. Uno studio di Sos Tariffe ha esaminato il consumo energetico nelle case di single, coppie e famiglie nel periodo di quarantena in Italia. Ne risulta che passare tutta il giorno in casa, soprattutto se in modalità smart working o smart learning, comporta un aumento nella bolletta della luce del 29.6% per i single, del 21.8% per le coppie, e del 32.4% per le famiglie. Stiamo parlando quindi di un aumento che indice fortemente nel budget familiare.

Le energie rinnovabili si rivelano le più competitive

In questo contesto è risultato ancora più evidente quanto l’energia fotovoltaica abbia un impatto positivo sul risparmio energetico.

Secondo quanto dichiarato al Corriere della Sera da Alessandro Marangoni, economista energetico e capo di Althesys, l’unica nota che si possa considerare positiva nel contesto particolarmente insicuro e caotico dato dal coronavirus, è la rivelazione che le energie rinnovabili siano più competenti delle fonti fossili nel mercato elettrico.

La produzione da rinnovabili, infatti, è calata solo del 5%; molto meno rispetto alla generazione elettrica da gas, che è arrivata a -30.6%. Questo si deve alla priorità data dalla Borsa elettrica alle fonti pulite, che in alcune ore del giorno spiazzano decisamente il termoelettrico da fossili.

Un altro elemento che può facilitare ulteriormente la diffusione dell’energia fotovoltaica nel nostro paese è l’ecobonus al 110% appena approvato dal governo attraverso il Decreto Maggio. Grazie al Decreto Maggio infatti, per i condomìni e famiglie in Italia sarà ancora più facile e conveniente passare all’energia fotovoltaica.

Il risparmio energetico dato dall’installazione di pannelli fotovoltaici

Nonostante sia ormai noto ai più, non ci stanchiamo mai di ripetere che al giorno d’oggi l’installazione di pannelli fotovoltaici rappresenta la migliore soluzione per il risparmio energetico, oltre a essere una scelta responsabile nei confronti dell’ambiente e un’opzione vantaggiosa per il valore aggiunto dato alla propria casa.

Con l’installazione di un impianto fotovoltaico infatti si riduce notevolmente il consumo di energia grazie all’accumulo di energia solare effettuato durante tutto il giorno. In questo modo con i pannelli solari si può coprire l’intero fabbisogno energetico domestico anche durante le ore notturne.

Inoltre, un impianto di energia fotovoltaica ha in media una vita utile di circa 20 anni, durante i quali si recupereranno pienamente i costi dell’installazione.

Una volta installati i pannelli solari infatti, si risparmierà sulla bolletta di luce e gas e sulla manutenzione degli elettrodomestici, e aumenterà il valore della propria casa nel mercato.

Vale la pena quindi soffermarci su quanto, ancora una volta, sia evidente che l’installazione di un impianto fotovoltaico a casa sia la scelta più conveniente.

Ti consigliamo quindi di informarti sull’offerta di impianti fotovoltaici nel mercato e sul prezzo della loro installazione con wekiwisolar.